top of page

ISTINTO DI …CONDIVISIONE -Nell’era dello smartphone l’istinto di sopravvivenza ha lasciato il posto alla psicosi della condivisione

“Sono intorno a noi, in mezzo a noi

In molti casi siamo noi …”

 

Cantava così Frankie hi-nrg mc, ma chi? Li avrete visti, proprio sul telefono che avete fra le mani. Quelli che sfidano proiettili, catastrofi naturali, incidenti. No, non i cronisti di guerra, i reporter d’assalto, no non loro ..

In un’epoca digitale in cui la realtà e la virtualità si fondono sempre più, le reazioni umane al pericolo assumono connotazioni inaspettate. L’onnipresenza degli smartphone ha ridefinito il concetto di pericolo, influenzando profondamente il comportamento umano.

La Psicologia dietro lo Schermo

Secondo la psicologia moderna, lo smartphone agisce come un’estensione della persona. In situazioni di pericolo, anziché lottare o fuggire, le persone usano i loro dispositivi come uno scudo psicologico. Questo “effetto tampone” attenua la percezione immediata del pericolo, permettendo alle persone di distanziarsi emotivamente dagli eventi.

Il Paradosso dei Social Media

D’altra parte, i social media hanno trasformato ogni individuo in un potenziale reporter. La ricerca di approvazione tramite like e condivisioni spinge le persone a documentare eventi critici, a volte a discapito della loro sicurezza. Questo impulso può prevalere sulla necessità di proteggersi, creando una dicotomia tra l’istinto di sopravvivenza e il desiderio di riconoscimento online.

Il Richiamo della Condivisione

Nell’era dei social media, l’avvertimento “Attenti, pericolo!” si trasforma in “Attenti, momento da condividere!”. La fotocamera diventa uno strumento di sfida al pericolo. L’istinto di condivisione prende il sopravvento, incatenando le persone sul posto a documentare l’evento.

La Seduzione della Tecnologia

“Prima di scappare, lasciatemi aprire la fotocamera!” diventa il nuovo mantra. La vita è vista come una serie di momenti da esibire, piuttosto che da vivere. La priorità non è più la sicurezza personale, ma la cattura di un’esperienza, indipendentemente dai rischi.

Il Prezzo dell’Esibizionismo Digitale

La società dell’esibizionismo digitale spinge le persone a vivere in modo pericoloso. La realtà viene filtrata attraverso lenti digitali, e il pericolo viene spesso ignorato in favore di un’opportunità di guadagnare un pizzico di fama effimera. Questo comportamento può avere conseguenze gravi, non solo per l’individuo ma anche per la società nel suo insieme, normalizzando l’idea di mettere in scena situazioni pericolose per l’attenzione online.

Paladini Digitali della Memoria

“Questo video sarà il mio lascito all’umanità… se sopravvivo per caricarlo.” La registrazione di eventi pericolosi diventa un atto di contributo storico. Ma questo gesto, spesso visto come un atto di coraggio, è davvero un contributo alla storia o una mera ricerca di attenzione?

Il Coraggio o la Fama?

La linea tra il documentare la storia e l’esibizionismo si assottiglia, e ci si chiede se il desiderio di essere ricordati superi il buon senso e la cautela.

Riflessioni sull’Era dell’Informazione

In un’epoca in cui l’informazione è onnipresente e la storia si scrive in tempo reale, riflettere sul nostro ruolo come individui e come società è essenziale. Il valore della memoria collettiva giustifica il rischio personale? La nostra eredità digitale può davvero contribuire alla storia umana? La vera sfida è trovare un equilibrio tra il desiderio di lasciare un segno e la responsabilità di agire con prudenza.

La tecnologia ci offre strumenti potenti per documentare la nostra esistenza, ma la vita non è solo un insieme di clip da caricare. La storia si costruisce con azioni significative, non solo con video virali. La memoria collettiva merita di essere custodita, ma non a scapito della sicurezza e del valore della vita umana. La saggezza sta nel discernere quando filmare e quando vivere pienamente l’attimo, senza filtri digitali.

L’Analisi Psicologica dell’Era Digitale

Questo bisogno di condivisione, radicato nel desiderio di connessione e riconoscimento, si scontra con l’istinto primordiale di conservazione. La presenza costante di dispositivi digitali ha creato un ponte tra questi due istinti, permettendo di vivere momenti di pericolo con una distanza emotiva, quasi come se fossero parte di un film.

L’Ironia della Condizione Umana

L’ironia emerge quando consideriamo la condizione umana nell’era dell’informazione: siamo diventati narratori della nostra storia, La nostra esistenza si è trasformata in una serie di episodi da trasmettere, e il valore personale sembra misurarsi attraverso la lente della viralità. Riflettendo su questi comportamenti, vien da chiedersi se stiamo vivendo veramente o semplicemente esibendo una versione curata di noi stessi?

Verso un Nuovo Equilibrio

È possibile trovare un equilibrio tra il desiderio di condividere e l’istinto di sopravvivenza? Forse la soluzione sta nel riconoscere il potere seduttivo della tecnologia e nel ricordare che, anche se un momento può essere condiviso, non tutti meritano di essere vissuti attraverso uno schermo. La vera sfida è imparare a vivere pienamente ogni momento, sia online che offline, senza lasciare che la tecnologia distragga dal valore della vita reale.

La Viralità come Valuta Sociale

In un mondo dove “Un tornado? Perfetto per il mio prossimo vlog!” diventa una dichiarazione di intenti, si assiste a una corsa sfrenata verso la fama online. La viralità è diventata la nuova valuta sociale, e il numero di visualizzazioni, like e condivisioni sembra pesare più della sicurezza personale. Questa tendenza ha portato a una distorsione del senso di autopreservazione, con individui disposti a rischiare la vita per catturare il momento perfetto che potrebbe renderli famosi, anche se solo per un breve periodo.

Riconoscere e Riequilibrare

Mentre la tecnologia continua a progredire, è fondamentale ricordare che la vita reale non è un vlog. In conclusione, mentre la società dell’esibizionismo digitale offre opportunità senza precedenti per la condivisione e la connessione, è cruciale mantenere un senso di realtà. Dobbiamo imparare a valutare il vero costo della fama online e a proteggere ciò che è veramente prezioso: la nostra vita e la nostra integrità fisica. La sfida per il futuro sarà trovare un equilibrio tra l’espressione di sé e la responsabilità personale nell’era digitale.


Nell’era dello smartphone l’istinto di sopravvivenza ha lasciato il posto alla psicosi della condivisione
l'istinto di sopravvivenza ha lasciato il posto alla psicosi della condivisione

95 visualizzazioni0 commenti

Comments


bottom of page